Assassinio sull’Oriente Express – recensione

Assassinio sull’Oriente Express – recensione

Tante informazioni nessuno spoiler

Recentemente è stata proiettata al cinema la pellicola “Assassinio sull’Oriente Express” tratta dall’omonimo libro di Agatha Christie.

Ovviamente non potevo proprio mancare e, i miei amici, hanno accolto con entusiasmo la proposta di vedere questo film.

La serata è cominciata bene… con un “dolce” regalo è proprio il caso di dirlo:buonissimi biscotti fatti in casa a forma di cuore.

Ma passiamo al film, il progetto conta nel cast nomi importanti come Michelle Pfeiffer, Penelope Cruz e Johnny Depp. Ho apprezzato tantissimo la performance di Johnny Deep perché a mio avviso, lascia brillare il protagonista. Avevo paura che un attore così famoso avrebbe potuto mettere in ombra gli altri interpreti, ma così non è stato.

Hercule Poirot è un detective belga famoso per il suo intuito. La pellicola ci mostra sia i suoi lati eccentrici e buffi che i tragici tormenti interiori. Avere una mente come la sua non è un peso facile da sopportare.

Non vi spoilero il finale del film, io avevo letto il romanzo da ragazzina ma per fortuna la mia memoria aveva cancellato completamente la conclusione. Ad ogni modo, ho apprezzato come il detective ha risolto l’impossibile caso di omicidio avvenuto nel suo treno, fermo a causa di una valanga di neve.

A un certo punto, mi è spuntata anche l’immancabile lacrimuccia verso le battute finali del film.

Una delle parti piu belle è stato anche il dibattito con i miei amici sulla morale della pellicola. Giusto? Sbagliato? Bianco? Nero? Se vi ho incuriosito, andate a vedere”Assassinio sull’Oriente Express” e decidete da che parte stare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *