Sanremo. Testo e video Mudimbi – Il mago.

Sanremo. Testo e video Mudimbi – Il mago.

Il sorriso del mago

È da tantissimo che non prendo in mano il blog. Vi ricordate di me? Non scrivo da due mesi, complice il corso di sceneggiatura, gli impegni ecc. ecc. Torno a parlarvi di un tema che è stato consumato in questi giorni ovvero Sanremo. Tutti scrivono del festival, ottimi gli ascolti.

La canzone vincitrice? Ci sta, mi è piaciuta. Seppure avrei preferito che arrivasse seconda Annalisa.

Bellissima la Hunziker, solare e professionale, anche se davvero un po’ troppo esaltata in alcuni momenti.

Ma quello che davvero vorrei commentare, visto che avrete letto migliaia di articoli su Baglioni o Lo stato sociale, è un ragazzo appartenente alla categoria nuove proposte.

Purtroppo nonostante la canzone rimanga davvero in testa, abbia un testo simpatico e irriverente, si è classificato solo terzo. Sto parlando di Mudimbi con “Il Mago”.

Vediamo il videoclip e date un’altra chance alla canzone se a voi è passata inosservata perché io l’ho amata. Ho trovato fantastico anche il modo di interpretarla di questo giovane, le sue movenze disinvolte. Davvero bravo!

Testo

C’è chi mi chiede, “Mudimbi, come stai?
se rispondo “tutto bene”, poi mi chiede “come mai?”

La gente guarda male se non sei pieno di guai
meglio dire “son vegano e sto anche in mano agli usurai”

Faccio ciò che posso, non vivo a Dubai
ho un conto in banca all’osso che nemmeno i macellai

Vivo la realtà, senza mentirmi mai
la mia dolce metà sembra la copia di un bonsai

La mia vita va una favola-la-la-la
non c’è niente che mi preoccupa-pa-pa

Risolvo quel che c’è da risolvere-re
e compro una vocale per rispondere

Va-come va, va-come va
va bene anche se male
va-come va, va-come va
il trucco è fall’andare

Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco
e poi svanisco in un sorriso… come fa il mago.

Il mago, il mago, ualà
il mago, il mago

A complicare, siamo tutti esperti
a esser felici, siamo tutti incerti
la verità sta tra due concetti
finché la barca va e Orietta Berti

Quindi sto sereno
navigo tra le bollette
rischio pure le manette
canto queste canzonette
evito chi si permette
anche di mettermi alle strette
vuole pure le mie chiappe
le pretende fatte a fette

Mi godo la vita, come un bimbo con una matita
come Rambo con un mitra
come Cita una Ciquita

Vincerò questa partita
ci scommetto la coolita
la strada va in salita ma non sento la fatica
perché

La mia vita va una favola-la-la-la
non c’è niente che mi preoccupa-pa-pa

Risolvo quel che c’è da risolvere-re
e compro una vocale per rispondere

Va-come va, va-come va
va bene anche se male
va-come va, va-come va
il trucco è fall’andare

Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco
e poi svanisco in un sorriso… come fa il mago.

La mia infanzia è stata dura come tante
senza padre e con il pieno di domande
nonstante questo è andata alla grande
ringrazio mia madre per le sue parole sante.

Figlio mio, la vita è dura, lo confesso
proverà a metterti in ginocchio troppo spesso
tu sorridi lo stesso
magari domani ci svegliamo
tutti e due sotto a un cipresso

Va-come va, va-come va
va bene anche se male
va-come va, va-come va
il trucco è fall’andare

Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco
e poi svanisco in un sorriso… come fa il mago.

 

 

Rispondi