Dark night Ha una doppia personalità, la notte. Se hai gli occhi chiusi e sei in un sonno profondo le lancette scorrono veloci, come impazzite. E ti ritrovi a dover spalancare gli occhi annebbiati, con la bocca impastata di saliva. Ancora cinque minuti, sussurri. Chi mi porta via il mio riposo beato? Era così pacifico e dolce, l’abbraccio di quelle lenzuola delicate. A volte la notte è un cataclisma di pensieri. Le ombre sgusciano dal buoio e tu ti rintani sotto le coperte. Sibilano e hanno artigli pronti a ghermirti. Le loro unghie affilate ti stringono così forte alla gola che l’ossigeno non arriva alRead More →