Avevo voglia di scrivere…perciò vi lascio questo semplice racconto dolce-amaro. Storie d’amicizia Amanda era ferma sul ciglio di un giardino. Guardava una grande casa rosa pallido, aspettando la sua amica. Si passava le mani sulle braccia per riscaldarsi. Una nuvoletta bianca le usciva dalle labbra sottili. I capelli neri tagliati da poco le incorniciavano il viso tondo. Aveva un cappello di lana calcato sulla testa che la faceva apparire più piccola dei suoi 25 anni. Per non pensare al freddo sbatteva i piedi sul terreno, un metodo poco efficace per cacciare il gelo ma non poteva farne a meno. Diana la raggiunse con un sorrisoRead More →

Sogni e una leggenda… Oggi voglio recensire un volume piccolo ma davvero ben scritto, di un autore italiano ovvero Alessandro Tonoli. Ciò che ho amato di questo libro è che l’autore si sia preso tutto il tempo necessario per raccontare la sua storia. Le descrizioni ti lasciano immergere piano, piano nel racconto. Ti permettono di assaporare i dettagli. La cornice della storia è Cabiate, un paesino chiamato dai suoi abitanti la piccola Parigi. Nessuno eccetto un dolce nonno, sembra ricordare il perché di questo nome. I protagonisti sono appunto una nipotina Chiara e suo nonno, divenuto un po’ burbero soprattutto dopo essere rimasto solo dopo laRead More →

Prima di me Era una giornata normale. Per normale intendo proprio banale. Il solo splendeva ma le temperature erano nella media. Qualche nuvola ingombrava il cielo ma nulla di catastrofico. Nessun temporale in arrivo, né uragani, nubifragi, nulla. Era una giornata normale. Alice passeggiava per le strade di Firenze. Era vicino al ponte vecchio. Il sole si rifletteva sulle acque torbide e un profumo di Waffle permeava l’aria. Voleva quasi prenderlo quel dolcetto super calorico con panna e nutella, finché una nuvola di capelli biondi le avvolse il viso. – Ehi, hai perso qualcosa. – le disse la ragazza indicandole il vecchio portafogli in pelleRead More →

I consigli per scrivere bene di un grande autore Il Libro della Polvere è stato pubblicato in Italia e altre 20 nazioni, il 19 ottobre. Era da tanto che il famosissimo Philip Pullman non rilasciava una sua opera. Questa nuova creazione ha come protagonista un ragazzino 11enne di nome Malcom. Il piccolo sogna di diventare uno studioso e realizzare importanti scoperte. Ma, a causa delle sue origini, non sarà così facile. Pullman si rivolge anche ai giovani autori dispensando utili consigli su come migliorare nella scrittura. Bisogna lasciare che ogni personaggio vada alla scoperta di se stesso. È quasi come se la storia fosse già pronta.Read More →

Infido 492 Hai preso il pullman, è quello giusto. Sali di fretta e trovi anche posto per sederti. Beh, meglio di così non può andare. Dopo un po’ ti accorgi che qualcosa non quadra. Eh si, perché il bus è giusto ma la direzione che hai scelto è opposta a quella che ti serviva. Non arriverai mai a destinazione. Scendi appena possibile e ti trovi sul lungo Tevere. In realtà, ti senti un po’ scoraggiata perché ti sono saltati un paio di appuntamenti. Ma capisci che devi goderti l’istante e scatti qualche foto. Io proprio non capisco chi non ama le foto. La memoria èRead More →

E io mi sento persa La mano trema. Sono le quasi le 8 del mattino e il mascara non è come dovrebbe essere. Ci sono troppi grumi, penso guardandomi allo specchio. Sembro un personaggio appena uscito da uno spettacolo del circo. Venghino, signori! Venghino! Ovviamente sono in ritardo e, come al solito, è colpa mia. Ci metto troppo a prepararmi. Le 8.00 in punto. Lo specchio mi deforma… la matita mi sembra sbavata. E forse la guancia sinistra è un po’ più rosa di quella destra? Non c’è più tempo. Lascio tutti i trucchi sul tavolo e controllo frenicamente la mia borsa. Cellulare. Chiavi. Portafoglio.Read More →

…forse troppo rosa Mi piace scrivere. Stamattina non avevo molto tempo, avendo un appuntamento nel pomeriggio. Però ho voluto dedicare un paio d’ore a buttare giù questa piccola storia che mi è passata nella testa. Si intitola… Un cuore ricoperto di polvere Mayra avrebbe compiuto ventisette anni il mese prossimo. Le sembrava una data importante, aspettava da una vita il giorno della festa. Quell’evento era il primo lusso che si concedeva con i guadagni del suo misero stipendio. Sebbene si fosse laureata a pieni voti in legge, per ora, era solo una stagista in un piccolo studio legale. Dalla soffitta della sua casa di LondraRead More →